Homepage > Documentary > Tavolo Da Chef Valutazione

Tavolo Da Chef

Originaler Titel: Chef's Table
IMDB 8.6
Premiato
12
Bene
3
Media
0
Male
1
Terribile
1
data di revisione 02/21/2020
Leann

Netflix continua la sua ricerca per riempire il loro servizio con contenuti di qualità. E ancora, ci riescono. Questa volta non con una serie drammatica o un film, ma una serie di documentari. Tutto basato sullo stesso tema principale; i migliori ristoranti del mondo e le grandi menti che li hanno creati.

Le storie delle origini di questi ristoranti, e in particolare degli chef che li hanno creati, sono commoventi e stimolanti. La serie mette con successo un volto umano in questi luoghi, che altrimenti sarebbero considerati stravaganti e fuori portata dalla maggior parte. La passione e la spinta dello chef, così come le lotte che hanno dovuto affrontare per essere dove sono oggi, ti fanno sentire felice per il loro successo.

Non avevo mai visto un documentario con una cinematografia così vivida. I tempi della cucina, gli scatti ambientali e i primi piani dei piatti sono fenomenali. Combina questo con un'eccellente partitura classica, che si adatta perfettamente alle immagini, e ti rimane quasi perfezione.

Questa serie è imperdibile per gli amanti della cucina e del cibo e non posso raccomandarla di più a chiunque cerchi una storia ispiratrice o semplicemente un documentario di qualità.
data di revisione 02/21/2020
Hartzel Barcus

Vale davvero la pena rischiare una "ricetta nella vita"? Il cibo è davvero qualcosa che può essere significativo e che afferma la vita?

Adoro il processo di creazione e servizio del cibo e delle persone che si dedicano a rendere il mondo un posto migliore uno che serve alla volta. E mentre guardavo il primo episodio della produzione di Netflix chiamato Chef's Table con Massimo Bottura, non mi sono mai sentito così completamente commosso dalle idee e dalla filosofia di uno chef sulla vita.

Non mi importa se il ristorante "Osteria Francescana" di Massimo Bottura abbia l'invidiosa reputazione di essere il terzo miglior ristorante del mondo al mondo tanto quanto l'uomo stesso e cosa e come pensa, perché dopo tutto la storia è piena di cadaveri di persone che non ce l'hanno mai fatta, nonostante siano incredibilmente originali, creativi e audaci e l'atteggiamento di "Vado là fuori a fare un'ammaccatura nell'universo" - qualità che adoro.

Sì, adorazione.

No, ciò che mi prende per il collo e mi ispira ad accrescere la mia coscienza è la passione del signor Bottura per la vita e per essere originale mentre la vivo ogni giorno. Ciò che mi dà la pelle d'oca è il suo modo di prendere un fallimento e gettarlo sul muro e trasformarlo in un affresco metaforico quando le persone minori si sarebbero semplicemente accasciate e si sarebbero arrese.

Steven Soderbergh, pur accettando il suo Oscar per la regia di "Erin Brockovich", ha dedicato il suo premio a "chiunque abbia mai creato qualcosa - non mi interessa che si tratti di un libro o di musica o altro".

Anch'io mi riservo il massimo rispetto per chiunque abbia mai osato creare qualcosa che faccia avanzare questo mondo in QUALUNQUE senso contro le forze del disordine e dell'apatia e dell'entropia emotiva e fisica e riporta l'ordine e l'energia nella nostra vita.

Sicuramente guarderò più episodi di Chef's Table, e spero che lo farai anche tu e spargerai la voce. In questo mondo per lo più triste, patetico, cupo, inerte, abbiamo bisogno di tutta l'ispirazione che possiamo ottenere. Lo so che lo faccio.
data di revisione 02/21/2020
Juliann Silvestrini

"Chef's Table", creato da David Gelb (della fama di "Jiro Dreams of Sushi") potrebbe sembrare a prima vista un altro spettacolo che celebra il cibo, ma a posteriori il suo titolo chiarisce che il suo tema principale sono gli chef stessi. Certamente celebra il cibo nel modo in cui nessun film o spettacolo su un artista non può fare a meno di celebrare il loro lavoro (e lo fa magnificamente con alcuni dei "porno porno" più sexy mai girati) ma "Chef's Table" è quasi interamente circa i creatori. Cosa fa battere la loro creatività? Da dove vengono? In che modo il loro passato e presente personale influenzano il loro lavoro? Come vivono? Cosa dice la loro "voce" artistica su ciò che il cibo potrebbe e DOVREBBE essere?

Dal tentativo di sfidare le nozioni ultra tradizionali della cucina in Italia alla ricerca di un'identità per una cucina australiana ancora in fase di definizione. Dall'apprezzamento stranamente moderno e cruciale per il futuro dei vecchi modi di agricoltura e foraggiamento (che ancora non possono fare a meno di essere influenzati dagli attuali progressi della tecnologia) al requisito quasi inevitabile di avere almeno alcuni studi tradizionali in Francia o con chef francesi (come almeno la metà dei 6 chef presentati finora in questa serie). Dall'importanza del rigore e dello sforzo per raggiungere la perfezione all'importanza della sperimentazione e del rilassamento per raggiungere, beh ... la perfezione; "Chef's Table" ci mostra le molte sfide, contraddizioni e impulsi che questi chef hanno dovuto affrontare per essere riconosciuti tra i migliori al mondo, ma soprattutto per avere una voce propria.

Mentre spettacoli come Anthony Bourdain ci raccontano le meraviglie del cibo attraverso il viaggio esteriore e vedendo le infinite possibilità che si trovano in tutto il mondo, "Chef's Table" ci mostra le meraviglie di viaggiare verso l'interno, di trovare infinite possibilità nei propri ricordi, origini e desideri . Gli elementi distintivi che legano tutti questi chef sono che tutti avevano bisogno della cucina come mezzo per esprimersi e che hanno dovuto ritagliarsi nicchie per essere in grado di sentirsi a proprio agio e soddisfatti nell'essere se stessi, nel dire ciò che hanno Voglio dire. Proprio come quando si conosce per la prima volta l'esistenza del "linguaggio cinematografico" e così facendo inizia a comprendere e apprezzare la forma d'arte molto più di prima, "Chef's Table" è una serie che fa comprendere "linguaggio del cibo" nel miglior modo possibile : direttamente da 6 delle sue voci più onestamente individuali, da 6 dei suoi "autori".
data di revisione 02/21/2020
Worrell Bynaker

Ho quasi finito di guardare la prima stagione e mi sento un po 'preso dal panico che finirà presto. Non guardo mai la TV perché sono semplicemente troppo occupato. Detto questo, sono un appassionato di cibo (food blogger, cuoco di casa, fotografo di cibo) e semplicemente non posso resistere a uno spettacolo di cibo ben fatto.

Detto questo, abbiamo avviato il cavo ed ero preoccupato di perdere i miei amati programmi TV alimentari tramite quella rete.

Chef's Table è di gran lunga superiore a qualsiasi altro spettacolo legato al cibo che abbia mai visto, compresi i film a figura intera. Ho adorato la fotografia, la musica, il modo in cui le storie vengono raccontate e la voce data agli chef.

Speravo di scoprire se ci sarebbe stata un'altra stagione accedendo qui. Per favore, dimmi che lo è, perché questo spettacolo è semplicemente il migliore.

Grazie Wendi
data di revisione 02/21/2020
Encrata Pallafor

Questa è la prima recensione di uno spettacolo che abbia mai fatto. Ho trovato casualmente la tabella degli chef che cercava su Netfix. Questo potrebbe diventare solo un bisogno invece di un bisogno. Umanità, ispirazione, bellezza, passione, diversità sono servite ad arte. Mi sento come se avessi trovato casa. Come se fossi stato idratato dopo una lunga estate. Temo di aver assaggiato e che potrebbe essere portato via. Potrebbe non essere uno stand di una notte? Dov'è il prossimo posto, il prossimo, Un film per la TV? Il cibo mi fa venire l'acquolina in bocca, le storie mi fanno crescere spiritualmente, le persone sfidano il mio scopo. Essere così coraggiosi e vivere come loro. Di sedersi di nuovo al tavolo degli chef. Ho bisogno. La mia anima ti ringrazia ... bravo.
data di revisione 02/21/2020
Janey

Di solito guardo la commedia su Netflix ma ho deciso di provare questo show e mi sono innamorato delle storie di questi chef incredibilmente appassionati. La cinematografia è mozzafiato. Mi sembra di guardare un documentario sulla natura. Il cibo è bellissimo e se non fosse per questo spettacolo non lo vedrei mai perché questi ristoranti sono fuori dalla mia fascia di prezzo.
data di revisione 02/21/2020
Sheri

Non sono la persona tipica che ama guardare documentari, soprattutto sul cibo. Tuttavia, c'è qualcosa di veramente unico nella tabella dello chef. Ogni episodio si distingue da solo ed è incredibile vedere i diversi processi di diversi chef. Lo spettacolo fa un ottimo lavoro nel mostrare le vere personalità degli chef che il pubblico è in grado di fare confronti e differenze con ogni episodio di passaggio.

Tutti gli chef che hanno parlato hanno molti tratti in comune ed è così affascinante da vedere. Tutti hanno una certa febbre per la cucina, un'incredibile etica del lavoro e hanno viaggiato all'estero per espandere le proprie conoscenze nella speranza di diventare un autore del cibo.

Le loro anime vengono messe in ogni pasto che preparano per i loro clienti e vedono il processo di cottura come una bella arte. Ogni chef sta attualmente mettendo in discussione il panorama alimentare che li circonda nella speranza di cambiare il punto di vista delle persone e il modo in cui vedono il cibo.

La mia unica lamentela è che può essere un po 'artistico, ma è incredibile e mi piace molto lo spettacolo. Questo è il mio unico avvertimento. Per favore, guarda lo spettacolo, è fantastico !!!
data di revisione 02/21/2020
Chon

Quando Netflix ha iniziato a rilasciare titoli, non mi sarei mai aspettato che si rivolgessero alle strade per locali commerciali. Per le strade, intendo, sono quelli che ci capitano naturalmente, nella nostra vita di tutti i giorni. Alberghi, ristoranti, piazze, organizzazioni turistiche rappresentano alcuni esempi.

Mentre risuonava con i miei interessi in cucina, Chef's Table attirò la mia attenzione come un modo per uccidere un'ora e mezza.

Non ho mai sperimentato un tale sviluppo emotivo o comunicato esaltazione guardando uno spettacolo di recensioni di cibo. Diventa davvero qualcosa di molto più di un semplice spettacolo; invece, una realtà con cui ci si può connettere pienamente, poiché le persone rappresentate non sono attori, ma esseri umani non mascherati.
data di revisione 02/21/2020
Magel Carnahiba

Mia madre e io l'abbiamo trovato in una di quelle serate di Netflix che non ho idea di cosa voglio guardare. Eravamo a metà del primo episodio quando è arrivato mio marito ed era così affascinato che ci ha chiesto se potevamo ricominciare da capo. Noi tre abbuffati abbiamo guardato tutta la prima stagione in un paio di giorni. Adoro quanto siano appassionati e creativi questi chef. Ti fa davvero pensare al tuo cibo. Da dove viene, come è cresciuto e cresciuto. Ti fa venire voglia di cucinare qualcosa di bello come questi chef. Mi ha anche fatto andare sul web a cercare alcuni dei ristoranti e degli chef per scoprire dove si trovano e quanto sarebbe costoso cenare nel terzo miglior ristorante del mondo. Non possiamo aspettare un'altra stagione!
data di revisione 02/21/2020
Hoashis Crilly

Ricordo di aver visto le prime due stagioni e gli episodi speciali degli chef francesi e di essere rimasto sorpreso da ogni storia e dal cibo creato a causa di quelle storie, essendo il cibo il fulcro dell'intero spettacolo. L'attenzione ai dettagli è stata eccezionale. Era uno spettacolo A +. Queste ultime stagioni si sono trasformate in qualcos'altro, un diverso tipo di piatto, forse un po 'meno sul cibo e su qualcos'altro, persino sulla politica. Mi manca il modo in cui il "vecchio spettacolo" sembrava più concentrato, più sorprendente. Penso che abbia funzionato molto meglio ed è stato molto più squisito. Si sentiva speciale, un piacere raro. Ma se dovessi classificarlo ora, sarebbe a malapena un B-.
data di revisione 02/21/2020
Patterson

Questo spettacolo è iniziato con il botto durante le prime due stagioni, forse anche tre. Da quando è stato spostato, il gioiello un tempo creativo che mostrava i risultati della cucina artistica ed emotiva dalla cucina e dal ristorante è diventato acido e stantio. Ora è un tentativo "crudo" di esposizione culturale attraverso una narrazione biografica e privo di qualsiasi esposizione all'effettivo lavoro creativo svolto in cucina.

Vogliamo conoscere i dettagli di come hai sviluppato piatti così complessi, dove vengono raccolti gli ingredienti, come li metti insieme. Eppure tutto ciò che otteniamo ora è una breve biografia e quindi il nome del piatto. Wow! Interessante! Si chiama "qualche presunto nome ispiratore". Immagino che dovremmo dedurre quel nome dalla lunga biografia che abbiamo appena visto. Possiamo ridurre il tempo di spettacolo di 30 minuti, basta pubblicare i menu o i nomi dei piatti.
data di revisione 02/21/2020
Oralia

Dovrebbe esserci uno spettacolo di uguale qualità sugli agricoltori. Siamo inventivi, artistici e ugualmente importanti. Senza i contadini nessuno mangerebbe e gli chef non avrebbero un mezzo per la loro arte.
data di revisione 02/21/2020
Zoa Hemmig

Lo adoro e basta. Ho sempre avuto una prospettiva diversa su quelli che hanno i migliori ristoranti del mondo. Vivono nel lusso e si divertono ad aprire i loro nuovi rami intorno ma la mia immagine è stata totalmente ridicola dopo aver visto questo documentario, non si tratta solo di un viaggio culinario, ma di come la determinazione e il duro lavoro producano qualcosa di straordinario. La creazione, l'invenzione e il fare completamente denovo ogni volta anche un alto livello di pressione e stress. Speravo solo di vedere anche una brevissima istruzione di uno di quegli alimenti straordinariamente sorprendenti alla fine, ma comunque questo è assolutamente consigliato da guardare a tutte le età. Stavo piangendo come non ci siamo mai resi conto che potevamo guardare le cose incasinate in un altro modo.
data di revisione 02/21/2020
Vinson

Non voglio nemmeno descriverlo (quindi non lo rovino). Ho visto ogni episodio (compresa la stagione francese) e ne ho anche rivisto alcuni. Lo rivedrei molte altre volte.

Scatti sorprendenti che servono dolcemente, con gusto e magistralmente allo scopo di tagliare il corpo e il cuore dell'artista in cucina.

In ognuno di essi, ogni diverso (molto diverso) chef viene analizzato e gli viene data la possibilità di parlare attraverso parole e azioni e l'anima che riempie le opere d'arte, la scienza e l'alchimia che chiamiamo "piatti".

Questo è uno spettacolo in cui ogni pezzo fa la sua parte alla moda di un balletto provato fino allo sfinimento. Un documentario in cui la persona dietro la cinepresa allunga la mano aperta e viene quindi accolta con il frutto squisito del sudore e delle lacrime e del sangue e del fuoco e del cervello e della fede della persona semplice che, giorno dopo giorno, sbuccia patate e fette di cipolla e poi lascia andare le loro creazioni effimere, affidandole alle mani dei camerieri, con la certezza che i loro capolavori sono sul mare dei tavoli e bruceranno nelle bocche delle persone e mentiranno per riposare in profondità tra le onde del nostro inconscio. Si può capire che gli chef sono gli artisti più politici che abbiano mai calpestato questa piccola uva che chiamiamo Terra.
data di revisione 02/21/2020
Steffen

Chef fantastici! Tutti gli episodi hanno chef straordinari con un talento eccezionale. Il ritmo lento dello spettacolo a volte è buono, perché conosci davvero gli "artisti del cibo" e il loro background. È speciale e unico nel suo genere. Ma è semplicemente drammatico. Dopo alcuni episodi diventa davvero fastidioso! Anche se i cuochi sono assolutamente fantastici in quello che fanno, sembra uno spettacolo di ego drammatico. la cinematografia è buona, gli chef sono fantastici, il cibo è davvero ottimo! Ma oltre il drammatico fino a un certo punto è fastidioso. È come: le mie lacrime mi scorrono sul viso quando taglio l'agnello. E quando schiaccio quell'ostrica, tutta la mia vita lampeggia davanti ai miei occhi. Tipo ... per favore stai zitto e fai il tuo grazie! È tutto così poetico e troppo recitato. Ma comunque un 7. Perché è qualcosa di fresco e nuovo; e con il cuore.
data di revisione 02/21/2020
Leid

Perché ogni chef deve presentare la propria vita come un viaggio mistico. Semplicemente fermati.

Gli chef più geniali? certo, ma vediamo un po 'di cucina, alcuni piatti ... patetici.

Ho visto due episodi e ora mi sento come se avessi sprecato la mia vita.

EVITARE A TUTTI I COSTI
data di revisione 02/21/2020
Tuddor Gongalves

Storie ispiratrici applicabili a qualsiasi estrazione sociale sull'avere una visione / un sogno e avere la convinzione e la fede per perseguirlo, indipendentemente dal costo ... la maggior parte degli episodi mi porta alle lacrime e mi fa sentire incantato - davvero eccezionale e assolutamente avvincente!

Lascia una valutazione per Tavolo da Chef