Homepage > Documentary > Jim & Andy: The Great Beyond Valutazione

Jim & Andy: The Great Beyond (2017)

Originaler Titel: Jim & Andy: The Great Beyond - Featuring a Very Special, Contractually Obligated Mention of Tony Clifton
IMDB 7.7
Premiato
8
Bene
7
Media
7
Male
1
Terribile
1
data di revisione 02/21/2020
Hollander Stoppel

Dopo aver visto Jim Carrey fuori dai riflettori per un po ', ma poi di recente nelle notizie con quello che potrebbe essere descritto come un comportamento "strano", ero curioso di sapere cosa avrebbe prodotto questo film. Non sono rimasto deluso. Sono sempre stato un ammiratore del lavoro di Carrey, a cominciare dalla mia introduzione alla sua commedia nello spettacolo comico di sketch In Living Color. Questo film / dietro le quinte guarda la recitazione di Carrey e si concentra su come Jim essenzialmente "è diventato" Andy Kauffman per il suo ruolo in Man on the Moon. Questo documentario non riguarda solo la mentalità e i manierismi di un'altra persona, ma molto di più. Aiuta a spiegare chi è diventato Jim Carrey ... ed è geniale. La maggior parte del pubblico è abituata a vedere Jim Carrey esagerato, ma in questo documento Jim condivide con lo spettatore un pezzo molto intimo di se stesso, che potrebbe far luce sulla percezione della realtà della maggior parte degli spettatori. Certamente guardo la vita un po 'diversamente ora dopo aver visto questo. Ho anche una migliore comprensione di chi sia anche Jim Carrey. Jim diventando Andy cambia il modo in cui vede la vita e mentre dice profondamente "le scelte ti fanno". Questo documentario è stata la cosa migliore e più reale che abbia mai visto negli anni.
data di revisione 02/21/2020
Lesli

Hai mai sentito le storie dietro le quinte del set di Suicide Squad, in cui un apparentemente illuso Jared Leto manderebbe i suoi compagni compagni di cast cadaveri, i preservativi usati e altri "doni" disgustosi? Bene, Will Smith, Margot Robbie e gli altri devono ringraziare Jim Carrey per aver ispirato il loro disagio quotidiano. La petulanza e il maltrattamento di Carrey delle sue co-star sul set di Man on the Moon ha mostrato i suoi bellicosi tentativi di mettersi sotto la pelle dell '"essere-essere-sh * tty-or-is-it-a-gag- l'ethos è perfino divertente in entrambi i modi per cui il comico che cambia il gioco Andy Kaufman sarebbe diventato famoso. Oppure, l'esclusivo filmato portato alla luce di Carrey (secondo quanto riferito seppellito dallo studio in modo che la loro stella "non sembrasse uno stronzo") era la sua meta estensione della performance a nostro vantaggio? Questa è la domanda che Jim e Andy: The Great Beyond di Netflix non scherzano in modo provocatorio - tra risate, rabbia di seconda mano imbarazzante, scatti di Carrey dall'aspetto filosofico e saggio con la sua "barba da artista serio" e abbastanza incredibile occhio incredulo di Danny DeVito si rivolge alla telecamera per riempire un'intera stagione di The Office.

La classifica del titolo è cruciale, in quanto The Great Beyond è un documentario su Jim che cerca di dare un senso ad Andy - come interprete iconico, come cambio di paradigma della commedia, e del suo ruolo nella commedia sulla scia di Kaufman. Come studio del personaggio di Carrey, è superbamente rivelatore, aprendo la porta (probabilmente più del previsto) alla solitudine di Carrey e desiderio costante di connessione a tutti i costi, dal clown della classe d'infanzia a star del cinema chiassosamente esagerato fino al recluso di oggi pittore e poltrona filosofo. Le sue storie di scrivere se stesso un assegno da un milione di dollari come attore affamato o di volere che l'universo gli fornisse una bicicletta come un bambino povero che cresce a Newmarket, in Ontario, sono stranamente poetiche nella loro malinconia - ancor più, in qualche modo, quando il suo convinzioni ferme si rivelano realmente realtà, che considera una bizzarra forma di divina provvidenza.

C'è una sordida ironia nel fatto che la prima carriera di Kaufman si sia impantanata nella sua "imitazione", solo per Carrey che si immerge profondamente in una sua imitazione, e il regista Chris Smith sta attento a non sopravvalutare la giustapposizione, ma piuttosto lasciarla parlare da sola. Fornisce filmati d'archivio abbastanza affidabili (esilaranti) di Kaufman per contestualizzare il comico e il suo impatto culturale per un pubblico sconosciuto, prima di spostare i riflettori su Carrey. Valutato senza mezzi termini, Man on the Moon è, nella migliore delle ipotesi, un veicolo piacevolmente perfetto per l'incarnazione incredibilmente sul punto di Carrey di Kaufman (come lo stesso regista Milos Forman sembra concedere nel filmato dietro le quinte qui). Qui, Smith fornisce un'ulteriore ruga al film essendo lo sfacciato 'Jim Carrey show', dato che il bellicoso rifiuto di Carrey di rompere il personaggio sembra del tutto troppo grande per il set apparentemente piuttosto rilassato e senza pretese di cui fa parte.

Le gag di Kaufman, per quanto ridicole o volutamente offensive, erano sempre ancorate a chiari commenti sociali - prendevano in giro le aspettative o prendevano in giro la pomposa performatività del wrestling, del giornalismo scandalistico o della cultura delle celebrità nel suo insieme. Le buffonate sul set di Carrey, che si rifiutano di rompere il personaggio, e molestano i suoi co-protagonisti come Kaufman (o, peggio ancora, come l'altrettanto alter ego Tony Kaftman di Kaufman), sono tanto divertenti quanto imbarazzanti - uno scherzo a Playboy Mansion di Hugh Hefner è particolarmente ispirato. Tuttavia, tutto gioca qui con un soffio di disperazione - un desiderio per la pertinenza, o una malvagità di Kaufman. Smith certamente conduce timidamente la testimonianza riprendendo "Imposter", una parodia del rap dei giorni di In Living Color di Carrey, come leit motiv musicale di tutto. La follia del metodo di Carrey qui è una vera e propria stella del cinema della prima donna, o il vero affare? Il clima stravagante e inquietante che ha evocato ne vale la pena in nome dell'arte? Oppure, Smith ci prende in giro in modo provocante, a qualcuno a parte Carrey interessa anche in modo particolare?

Oppure, andando ancora più in profondità nella tana del coniglio, è tutto uno stratagemma elaborato, equivale alle lotte ingannevoli del misogino di wrestling di Kaufman - un meta scherzo che l'intero cast e la troupe stavano affrontando, rievocando il loro disagio simulato per il nostro beneficio ingannato? Certamente, è giusto essere sospettosi nei confronti del regista Milos Forman, Danny DeVito, Paul Giamatti e altri che hanno convenientemente le loro confuse reazioni a Carrey perfettamente inquadrate davanti a una macchina da presa. Smith mantiene le cose giocosamente ambigue dappertutto, stimolando i presupposti ridicoli del "realismo" documentario con gioia di Kaufman-esq, senza ancora mostrare completamente la sua mano su quanti strati la buccia di cipolla di bavaglio. Tuttavia, enigmelo: guarda le ruminazioni contemporanee, filosofiche (e barbute) contemporanee di Carrey sulla sua performance, arte, scopo e universo (per lo più hokum piacevole e talvolta perspicace, anche se sta rivalutando la sua carriera successiva attraverso l'obiettivo di The Truman Show è spingendolo davvero). Se non hai notato il luccichio più debole nei suoi occhi, nel bel mezzo di un solenne soliloquio, nel momento in cui pensa che la videocamera abbia smesso di girare, mangerò la mia copia DVD di The Mask. Sssssssssssssscoundrel!

Jim e Andy potrebbero non fornire risposte particolarmente rivelatrici alle alte domande che pone riguardo al ruolo, allo scopo e ai mezzi giustificati dell'arte e della creazione (sebbene il suo abile riff sull'intrinseca performatività della "verità" documentaria suggerisca che Smith sia ben consapevole che tali domande sono retorico). Indipendentemente da ciò, è un orologio divertente e magnetico, grazie al carisma traboccante e insondabilmente peculiare dei suoi soggetti omonimi, che, Smith capisce perfettamente, potremmo guardare per ore. E, se Jim e Andy riescono a qualcosa, è di garantire che, di fronte al suo giubilo dalla faccia di gomma, una solitudine apparentemente cavernosa e nel cercare uno scopo nel suo mimetismo sul punto disperatamente di fronte al conforto dei pari o alla decenza di base, non possiamo fare a meno di capire e sentirci collegati a Jim Carrey. A cui Carrey avrebbe indubbiamente risposto: "Theenk you veddy maatch".

-8/10
data di revisione 02/21/2020
Theall Oien

Poche cose mi rendono più emotivo di Andy Kaufman. Anche ascoltare alcune parole di "Man on the Moon" di REM mi fa star bene. Ricordo di aver visto le sue prime apparizioni dal vivo il Saturday Night Live e la notte in cui ha avuto un pugno di venerdì. E mentre ero vivo per la sua discesa nella mania del wrestling e la sua battaglia contro il cancro, non ricordo molto della fine. Forse non volevo elaborarlo. Forse è per questo che ho creduto - fino ad oggi - che Andy sta solo aspettando di tirare indietro il sipario su tutti noi e di tornare. E forse non tornare? Forse è il suo miglior trucco di tutti.

Al contrario, non mi è mai piaciuto Jim Carrey. A differenza di Andy, che ha minato la propria popolarità e resistito al mainstream mentre contemporaneamente si guadagnava da vivere, sembrava troppo desideroso di compiacere. Troppo felice di prendere e prendere dalla macchina di successo, per essere in opere che non lo hanno sfidato. Ecco perché The Cable Guy mi ha sorpreso. Qui come il buffone che si è fatto strada tra stupido e scemo costringendo gli spettatori a contemplare il dolore dietro il personaggio. Ha seguito quel film con film avvincenti in seguito come The Truman Show e Eternal Sunshine of the Spotless Mind.

Il Jim Carrey che appare qui non è il maniaco dalla faccia di gomma che sembrava gridare: "Guardami! Amami!" Questo è un uomo ingrigito, sbiadito, con la barba, più ruvido che ha sofferto non poco di perdita personale e dolore. E questo è anche un uomo che ha dato volentieri la sua identità non solo ad Andy Kaufman, ma al lato più spaventoso di Andy, il malvagio Tony Clifton.

In un recente articolo di Newsweek, la sorella di Kaufman fornisce alcuni spunti: "Penso che Jim Carrey fosse una nave", ha detto. "Credo che abbia permesso ad Andy di attraversarlo. Ho anche scelto di credere che Andy lo stesse attraversando. Quando mi ha guardato, non sto scherzando. Era come parlare con Andy dall'aldilà. Mi sentivo come stava arrivando come Andy evoluto e astrale. "

Ho visto Milos Forman's Man on the Moon numerose volte. E ho letto molti libri, ho digerito molti articoli e ho guardato ogni apparizione che Andy ha fatto in TV. Lo guardo nel modo in cui mi estendo a pochi artisti: è più un profeta che parla la verità che una persona. Gli do troppo credito? Vedo cose in lui, proietto magie che non è stato in grado di eseguire? Penso - credo ferventemente - che fosse qualcosa di più. Una forza. Qualcuno che è stato in grado di premere pulsanti, turbare le persone ed essere un tacco da wrestling nella vita reale, offrendo allo stesso tempo momenti da bambino di capricci e meraviglia. Solo il filmato di lui che invita tutti ad unirsi a lui per latte e biscotti dopo la sua esibizione alla Carnegie Hall mi fa piangere apertamente. Sembra troppo reale, troppo amorevole, troppo onesto e troppo vero.

Maggiori informazioni su http://bit.ly/2jefCzo
data di revisione 02/21/2020
Cornwall

Per il suo ruolo in "Man on the Moon", Jim Carrey ha interpretato il personaggio di Andy Kaufman in modo così completo che, come si riferisce qui, si è trovato a reagire fuori dal set come Andy avrebbe reagito piuttosto che come avrebbe reagito Jim.

Insieme ai suoi talenti conosciuti, Carrey si dimostra in questo documento di essere un oratore molto articolato, anche quando descrive - come fa molto qui - i suoi stati interni. Se gli attori hanno bisogno di empatia, Carrey qui mette quell'empatia in parole - parole che possiamo capire e sentire.

Se non hai familiarità con Kaufman, c'è una grande varietà di filmati tratti dalle esibizioni di Kaufman.

È difficile confrontarlo con qualsiasi altro documento che ho visto. Il suo approccio al soggetto è unico come il soggetto stesso. Se vuoi capire e apprezzare un lato di Jim Carrey che potresti non aver mai visto prima, o cosa passano gli attori quando si mettono nei ruoli, questo film è per te.
data di revisione 02/21/2020
Alameda Savitch

Jim Carrey era uno dei miei attori preferiti da bambino. Andy Kaufman mi ha affascinato da giovane. Tuttavia, questo incredibile nuovo documentario cerca di comunicare che Jim e Andy sono le due facce della stessa medaglia. Due esseri umani che hanno imparato a essere liberi attraverso la loro arte. Si tratta della realizzazione di Man on the Moon, una delle biografie più sottovalutate di tutti i tempi e, nella mia mente, il coronamento della carriera di Jim Carrey. Carrey non ha semplicemente impersonato Andy Kaufman. Andy Kaufman possedeva Jim Carrey. Non abbiamo mai visto Carrey sparire lentamente in Kaufman e mai prima d'ora, dietro le quinte, non sappiamo se si trattasse di un metodo intenzionale o meno. Carrey è entrata nel progetto come la stella della commedia più hot del mondo e ne è uscito qualcosa di completamente diverso.

... e che dire di Andy Kaufman? Molti dicono che è morto e molti dicono che è ancora vivo da qualche parte, suonando un grande bavaglio di cui semplicemente non sappiamo. Andy era misterioso in quel modo. Ma il suo spirito esiste, da qualche parte nel nostro universo. Chiunque abbia il coraggio di essere diverso dagli altri, in sostanza è un Andy.
data di revisione 02/21/2020
Ottie Gendron

Andy è Tony o è Jim, oppure Jim è Andy o Tony, oppure Bob Tony? meravigliosa panoramica della realizzazione di Man in the Moon il biopic di Andy Kaufman. Con Jim Carey che parla attraverso il danno psicologico che vari personaggi e la professione di attore hanno fatto assumendo vari ruoli. rivettatura
data di revisione 02/21/2020
Pine

Interessante il Grinch non presentava gli stessi dilemmi. Qui con la spaventosa disconnessione di Hollywood. Immorale e indulgente non in modo edonistico ma creativo nel canalizzare il "fantasma" collettivo che sento che abbiamo quasi il dovere di non fare questo e rispettare le illusioni del teatro.

Il film sembra opposto alla verità in quanto sembra che si sia effettivamente trovato attraverso Kaufman, non si sia perso, e quindi non abbia attribuito nulla perché non gli piaceva quello che ha trovato. I creativi semplicemente non comprendono la sensibilità della mente umana che si scontra con lo spietato distacco del dono. Indovina da che parte vince? I giovani sono particolarmente vulnerabili per il desiderio di mettersi alla prova e di non vedere alcuna differenza tra l'offerta di una parte di se stessi con il tutto; Essendo Carrey tutte queste cose più la prosperità degli anni '90 della lista A, ha creato un buco così grande nella sua psiche che è diventato un guru di montagna. Personalmente non lo vedo come satirico, penso che sia stata l'inevitabile polarità della traiettoria di Kaufman e questo è il vero lui è l'incarnazione della transitorietà. Fondamentalmente, riuscirà a concludere con tutto tranne Carrey.

Quel contesto degli anni '90 a quel tempo sembrava così definitivo mentre alla fine era solo una piccola era all'interno della distesa, che sta ancora lottando per essere il più grande del mondo allora, e ora essere "Dopo Carrey" e tradurre le sue conseguenze in modo non intuitivo.

Kaufman qui con lo specchio su effetto specchio, ma lo specchio è ancora l'immagine singola riflessa all'infinito, il che significa che è lo stesso problema nell'identità e che sta giocando chi ancora e ancora, quindi la forma d'arte è la varietà di reazione. Come la terapia per i parenti morti di Kaufman.

Credo che gli artisti che vivono in questo metodo di voodooismo scherzino con un dono, dimenticando che i benefici nell'artigianato sono inerenti. Il teatro riflette già l'umanità e il camaleonte che riflette il camaleonte non rivela ma viola.
data di revisione 02/21/2020
Korns Papalia

Questo film è uno sguardo unico alle arti artigianali di un attore. I dettagli sulla trasformazione di Jim Carrey sono qualcosa da vedere. Di certo, le persone del settore apprezzeranno molto e in modi più sottili. Ma tutti possono godere dell'espressione dell'umanità qui. Il lavoro della fotocamera è davvero sorprendente e scompare tra una direzione molto buona. Dà davvero una comprensione più profonda del fantastico film originale su cui si basa. Penso che possiamo essere d'accordo sul fatto che fosse quel film, e dopo molti altri, che ci ha mostrato il grande attore Jim Carrey. Naturalmente molti di noi lo sapevano già quando lo abbiamo visto in The Mask, Scemo e più scemo e Pet Detective.
data di revisione 02/21/2020
Howlyn Kinas

Un documentario su Jim Carrey nel ruolo di Andy Kaufman e Tony Clifton in "Man on the Moon (1999)".

Jim Carrey è rimasto nel personaggio per tutta la produzione, dentro e fuori le riprese. Questa è una combinazione di Method Acting portata al limite e incanalando Andy Kaufman che ha portato le sue battute ben oltre la maggior parte delle persone, come si vede nel film stesso.

Il documentario non solo mostra la produzione ma analizza Jim Carrey come attore e come persona. Esplora la sua carriera sin dalla tenera età fino ai giorni nostri e l'influenza che ha avuto sia suo padre che lo stesso Andy Kaufman. Mostra anche lo stato mentale attuale di Jim Carrey, che è a miglia di distanza da dove è stato circa 20 anni fa.

Consigliato
data di revisione 02/21/2020
Antonella Rued

Quando ho iniziato a guardarlo, è iniziato in modo discreto e semplice, poi salta semplicemente su Jim dicendo che è stato rilevato da Andy.

Tutte le clip che mostravano sembravano più arroganti e fottuti che altro. Arriva al punto in cui Jim inizia a parlare di come lo ha cambiato e lo ha fatto sentire in questi modi diversi. Ma può ricordare tutto. Non sono un esperto di salute mentale, ma sono abbastanza sicuro che se hai quel tipo di condizione fosse un'altra personalità, non ricordi nulla di ciò che quell'altra personalità fa.

Proprio alla fine dà un messaggio così stupido sulla vita e le diverse credenze. Gli sembrava di pensare di essere migliore di tutti gli altri e di avere tutte le risposte.

La sensazione generale che ne ho tratto, Jim Carrey è completamente pazzo, non ha una decenza comune quando si tratta di lavorare con persone sul set di Man on The Moon e molto probabilmente su qualsiasi altra cosa.

Mostrano anche una parte in cui sta parlando dietro le quinte con il cast e si siede e dice che ha il cancro, whist che "intende" essere Andy. Danny DeVito ha avuto la giusta reazione. Sostanzialmente ha detto che ne aveva abbastanza e sembrava davvero perfetto. Avrebbe dovuto andarsene. Quindi sconsiderato.

Sembrava proprio che a Jim fosse stato detto quali sarebbero state le prossime scene il giorno dopo, l'avrebbe letto e poi sarebbe andato sul set, sarebbe stato ad ** k e non considerato p *** k.

Ho visto recensioni su questo parlare di salute mentale e questo è bello da vedere. No. Secondo me, questo è un uomo, che è andato troppo lontano in un ruolo e non gli importa davvero cosa pensa la gente.

Posso apprezzare e comprendere le persone che hanno seri problemi mentali, ma se leggi storie di attori e attrici che hanno lavorato con Jim Carrey in altri film, è sempre stato ad ** k.
data di revisione 02/21/2020
Sheng

Il documentario parla del brivido di diventare un'altra persona e quindi ottenere la liberazione dall'idea di te stesso. Jim è diventato Andy ed è così interessante conoscere il suo viaggio attraverso e dopo questa incarnazione. Come è stato perso e trovato, solo per capire che non può essere trovato perché non c'è lui.
data di revisione 02/21/2020
Aldis

Guardando questo film, saresti perdonato per aver pensato che Jim Carrey avesse effettivamente incontrato Andy Kaufman. Non per il modo in cui ha interpretato Andy, ma per il modo in cui Jim si dà una pacca sulla spalla per la durata del movimento a quanto 'vicino' si è sentito ad Andy. Penseresti che stessero bevendo amici.

Andy Kaufman è stato un punto di svolta nella commedia, un vero originale. D'altra parte, Jim Carrey interpreta facce buffe, fa voci divertenti e recita in commedie per bambini.

Jim si crogiola alla ribalta di un talento molto più grande. Pensi che Andy avrebbe giocato a "Pet Detective"? Non una possibilità.

Andy era l'artista. Alla fine Jim è solo un ragazzo che ha fatto finta di essere quell'artista. Penso che forse Jim non sia a conoscenza del fatto che i film biografici rappresentino un genere completo e che abbia semplicemente fatto qualcosa che molti hanno fatto prima e molti hanno fatto da allora.

Dove Jim fa eccellere è essere un coglione per le persone quando non le riprese. Sentiamo tutte queste sciocchezze sul non sapere dove sia finito Jim e Andy abbia iniziato. Beh, è ​​semplice - Jim faceva finta di essere Andy - un ragazzo che non aveva mai incontrato. Quindi dove Jim finì fu Jim e dove Andy iniziò non lo era affatto.

La linea di fondo è che Jim pensa che la sua esibizione sia lassù con la Cappella Sistina.

Come tutti gli attori, Jim viene pagato per fingere. Si sta prendendo troppo sul serio - ho il sospetto perché guardando indietro, essere un produttore di voci divertenti dal volto gommoso non è l'eredità che si era immaginato.
data di revisione 02/21/2020
Solly
Andy Kaufman era un genio della commedia che era in anticipo sui tempi. Jim Carrey è stato molto bravo nel suo ritratto del defunto Kaufman ed è diventato lui per il film. Questa edizione sarebbe stata una grande aggiunta come caratteristica speciale di Man on the Moon ma da sola è completamente inutile e inutile. Non aggiunge molto a ciò che è già stato mostrato nel film e fa apparire vecchi filmati che probabilmente sarebbero stati meglio non visti. Il film ha servito al suo scopo e ha reso omaggio al grande comico ed è lì che avrebbe dovuto finire. Come ho detto prima, avrebbe sempre potuto essere una funzione speciale.

Per quelli di noi che hanno visto Man on the Moon e hanno visto il lavoro di Andy Kaufman questa funzione ha aggiunto quasi nessun valore nel mostrare alcuni filmati dietro le quinte. Mentre è stato impressionante per Jim immergersi e diventare Andy, rimane sempre il fatto che era un attore che interpreta ancora qualcun altro e non dovremmo lasciarci trasportare troppo. Questo non era necessario e una perdita di tempo.

5 / 10
data di revisione 02/21/2020
Tigges

Deve guardare ... Se hai visto e amato il film come me, allora vale la sola tassa di Netflix. L'uomo acceso e il sole eterno sono i due film che vengono radunati nella mia memoria. Fare film al suo meglio.
data di revisione 02/21/2020
Colwen

Fondamentalmente, questo film parla di Jim come uno stronzo e di creare un ambiente di lavoro ostile per tutti gli altri sul set. Quando non recitano scene vecchie, sei costretto ad ascoltare un'intervista aggiornata in cui Jim Carrey continua a parlare di quanto sia dotato. Sembra credere di essere impegnato nell'opera più importante dell'umanità e che i cieli siano profondamente preoccupati per lui e per i suoi film vapidi. I veri santi e gli esseri illuminati non avevano un'opinione così alta di se stessi. Incredibilmente cringey.
data di revisione 02/21/2020
Tjaden Westwood

"Jim A" quello che penso sia davvero, gente: una spina spudorata di una festa di pietà ... e sono tutto soffocato.
data di revisione 02/21/2020
Burkhart Villata

11/23/17. In realtà, vale davvero la pena guardarlo. Questo documentario mostra come Carrey analizza Andy Kaufman in modi che i bravi attori fanno come parte del loro mestiere: arrivare all'anima della loro materia. Tuttavia, avrebbe potuto essere più breve (con un montaggio migliore), anche se è stato abbastanza lungo da convincerti che Carrey è molto più profondo dei personaggi che interpreta di solito per il gusto della commedia. Una volta che hai capito questa disparità, puoi capire perché la sua commedia è molto più significativa del semplice tentativo di far ridere il pubblico, ma piuttosto di pensare alla tua vita in un contesto diverso. E questo è lo scopo dietro Art (in qualsiasi forma) comunque.
data di revisione 02/22/2020
Ko Rhea

Il consenso comune concordato sul ritratto di Jim Carrey della leggenda della commedia americana Andy Kaufman nel famoso Man on the Moon del 1999 è che il re della scena della commedia degli anni '90, Carrey, ha messo fuori gioco la sua esibizione.

Un'incarnazione spaventosamente accurata di Kaufman, Carrey si è trasformato nella mentalità e nelle caratteristiche dell'uomo che ha ispirato il suo viaggio nella commedia, ma fino ad ora non abbiamo mai veramente capito le profondità che anche Carrey ha fatto per diventare Kaufman mentre veniva creato Man on the Moon.

Jim and Andy: The Great Beyond - Con una menzione molto speciale e contrattualmente obbligatoria di Tony Clifton è un documentario di Spike Jonze rilasciato da Netflix che attira Carrey da quello che sembra un tipo di iato di lunga data per parlare delle sue esperienze facendo di Man on the Moon, mentre si scopre in precedenza nascosto dietro le quinte del filmato della produzione di Milos Forman in cui Carrey si è rifiutato di essere riconosciuto come se stesso, piuttosto andando ai massimi livelli di recitazione del metodo e vivendo i suoi giorni come se fosse in realtà Kaufman tornò in vita.

È uno spettacolo incredibilmente bizzarro vedere Carrey vagare per il lotto dello studio cinematografico, scene di film e interagire con i suoi colleghi membri del cast tutti sotto le sembianze di Kaufman, mentre i fan del lavato crooner di Las Vegas Tony Clifton si divertiranno con l'attore sciovinista che sta ottenendo qualche buon airplay mentre Carrey si occupa dei regni. Gli sguardi che otteniamo a questa folle performance ci fanno davvero apprezzare quanto sia stata buona una performance di Carrey, una che all'epoca era discutibilmente sottovalutata.

I suoi filmati senza dubbio affascinanti e una grande visione delle lunghezze che alcuni vanno per la loro arte, in particolare quando si tratta di dare vita ai film, ma Jim e Andy fanno fatica a legare tutto insieme al film sentendosi come a volte che passa attraverso i movimenti, nessun guidatore centrale lo spostava in avanti, peggiorando le spiegazioni spesso bizzarre o le riflessioni di vita di Carrey.

Personaggio pubblico complicato, Carrey ha chiaramente affrontato alcuni problemi personali profondi e mentre è piacevole vedere l'attore apparire così sincero, un po 'di ciò di cui parla è degno di rabbia o semplicemente strano, mentre il regista Chris Smith mi è sfuggita davvero la possibilità di includere le intuizioni di altre figure coinvolte nel film come Paul Giamatti o altri co-protagonisti delle riprese di Man on the Moon.

Avrebbe aggiunto uno strato completamente diverso al film, ascoltando molto più di Carrey, dato che ci sarebbe stato qualcuno che amava l'intera esperienza, mentre altri si sarebbero rovinati il ​​giorno in cui avevano accettato il lavoro.

Final Say -

Per quanto ti aspetteresti, Jim e Andy sono sia uno sguardo affascinante sul processo di realizzazione del film sia una dedizione per dare vita a un personaggio della vita reale sullo schermo e un documentario frustrante che dà troppo tempo di trasmissione alla visione distorta di Carrey su tutto delle grandi domande della vita.

3 sacchetti di carta su 5
data di revisione 02/23/2020
Niple

Prima di tutto, quando ho visto Chris Smith dirigere questo documentario, ho capito che sarebbe stato bello. Secondo me, American Movie è uno dei migliori documentari di tutti i tempi. I miei cappelli a Chris Smith. Detto questo, questo è un documentario da vedere, è trascendentale a tutti i livelli o forse è semplicemente normale e come dovrebbe essere ed è a livello umano, ma viviamo tutti in un mondo così arretrato che vediamo trascendere come in relazione con un regno spirituale o non fisico, ma forse trascendentale è semplicemente normale, come dovrebbe essere.

In questo documentario si arriva a vedere il processo che Jim Carrey ha intrapreso per essere Andy Kaufman / Tony Clifton e si vede anche dove si trova Jim Carrey, che è un termine perfetto come lo è ora. Jim Carrey è quasi un Eckhart Tolle a questo punto della sua vita. Lo è e basta. Si potrebbe dire che è facile per Carrey dato che ha tutti i soldi del mondo, ma la verità è che ha visto entrambi i lati della medaglia, cioè avere tutti i soldi del mondo ed essere senzatetto, quindi è un buon giudice di ciò che è sii felice e in pace secondo me. Carrey ha trovato il suo vero io e la sua felicità nel solo essere.

Questo documentario offre allo spettatore la prospettiva di ciò che è un attore straordinario Jim Carrey e anche di quanto sia provocatorio un essere umano e un poeta. Jim Carrey afferma in questo documentario "senza preoccupazioni". Che concetto selvaggio e adorabile. Senza preoccupazioni. Ovviamente abbiamo tutti dubbi, preoccupazioni e preoccupazioni, cioè sui nostri cari, ad esempio famiglia, amici, sorella, fratello, bambini, cani, ecc. Ma oltre quello per essere veramente liberi dalla paura, che concetto meraviglioso e credo che Carrey sia veramente libero di tutto questo. Che liberatorio.

Un documentario che vale la pena guardare per vedere fino a che punto può arrivare un attore e per vedere quanto è bello un essere umano Carrey in tutti i suoi difetti e imperfezioni. Per favore, guarda questo documentario, ti innamorerai della tua vita, della vita, di Carrey e della creazione di essere di nuovo tutto da capo. Un'opera d'arte davvero commovente. Ti farà ridere, ti farà piangere, ti farà pensare.
data di revisione 02/23/2020
Sam

Il segreto di questo documentario è rivelato da qualche parte a metà del film. Questa è solo una raccolta di cose dietro le quinte che vedresti negli extra dei DVD, ma come ha detto Jim, lo studio non voleva rilasciarlo perché avrebbe fatto sembrare Carrey un asino.

Così ora, anni dopo, dopo che lo studio ha fatto tutto il denaro che poteva guadagnare dalla precedente popolarità di Kaufman e Carrey, questo prodotto aggiunge un'intervista con l'attuale giorno Jim Carrey per rinforzare il tempo di esecuzione e dare a Netflix i contenuti che sono così disperati da fornire per il loro costo di servizio ingiustificato e tu stesso hai un documentario gonfio pronto per il pubblico di visualizzazione. Come puoi vedere dalla spiegazione del perché questo esiste, il film, il film o come vuoi chiamarlo, è uno sforzo molto basso e l'ho sentito a metà strada, poiché ha iniziato a diventare molto ridondante ed è rimasto senza aneddoti interessanti per raccontare.

Jim ha preso il metodo e ha mancato il segno perché stava facendo cose che nemmeno Andy avrebbe fatto. Ciò è accaduto anche in Man on the Moon. Andy era impassibile quando parlava come wrestler intergender sessista, mentre la versione di Carrey era chiaramente una satira scherzosa e beffarda. Bene, questo documentario soffre lo stesso. Mancano sottili fastidi mentre Carrey tenta di molestare i suoi colleghi sul set in quello che sente anche Andy. Questo non è il caso espresso da Jerry Lawler. Tutti sono passati da "Oh, è diventato Andy. È incredibile!" a "abbastanza è già abbastanza. Questo ragazzo è un coglione." Sembra qualcosa che si direbbe su Kaufmann, ma non è così, altrimenti i suoi ex costar non sarebbero disposti a tornare per girare un film su di lui.

Il lato positivo ha dato a Carrey la libertà di vivere al di fuori di se stesso, mentre allo stesso tempo si guardava dentro e vedeva se stesso da una prospettiva diversa. Uno che ha canalizzato attraverso Andy e Tony Clifton. Ancora confuso? Annoiato ancora? Chissà, forse questo sembra un viaggio interessante per te, ma diventa un cavallo morto e viene battuto piuttosto rapidamente nel film. Una volta che succede, puoi spegnerlo o annuirlo come ho fatto io, e non ti perderai molto. Mi sono svegliato di nuovo e stava solo ripetendo lo stesso sentimento con altri esempi e ripetendo cose su Andy e Tony Clifton che erano già in Man on the Moon. Ed è così che va. Grazie mille.
data di revisione 02/23/2020
Sweatt Ramjhon

A prima vista questo film sembra un po 'egocentrico, interessante ma in definitiva presuntuoso.

Ma man mano che il film avanza confonde la tua mente, che cosa è reale? Cosa no? Jim Carrey è davvero così impegnato nella sua esibizione, è davvero la delicata introspettiva sulla sua strada per perdersi?

È nel complesso una realtà deliziosamente caotica, che offusca continuamente personaggi e leggende. La vita professionale di Kaufman sembra essere stata piena di deliberata cattiva direzione e della capacità maniacale di dire la cosa sbagliata al momento giusto per creare disordini e caos. Dopo tutto, l'anarchia è ordine ...

Carrey è impegnato nella sua intervista, gocce di Jim reale e gocciolamenti di intuizione si fondono in ciò che sembra recitare un metodo pan-dead, riflettendo sullo specchio della recitazione con metodo di quasi 20 anni che rifletteva il caos gestito di Kaufman.

O è tutto vero? È impossibile dirlo, la bugia è nella verità. Più volte l'arte riflette la vita e Carrey usa bugie e verità con effetti molto interessanti. Ogni volta che pensi di avere un'idea di ciò che è reale, c'è un sottile, o per niente sottile, promemoria che ciò che stai guardando potrebbe benissimo essere un'estensione di una bufala molto elaborata ... Scherzo ... Omaggio .. Dannazione, è qualcosa.
data di revisione 02/23/2020
Eada

Come inizierei questa recensione? Dove inizia Jim Carrey e dove finisce Jim Carrey? Prima di guardare questo film, avevo conosciuto ed ero un fan mite di Andy Kaufman e potevo davvero apprezzare il suo stile comico proto-assurdo che avrebbe ispirato innumerevoli comici di oggi che avrebbero continuato a spingere i confini, ma Tim &; Eric, John C. Reilly come Dr. Steve Brule, Alan Resnick e, in generale, le curiosità di Adult Swim che si sono presentate nelle prime ore del mattino hanno attirato e catturato di più il mio interesse. Inoltre, prima di guardare questo film, ero un grande fan di Jim Carrey per i suoi film comici e per i suoi film più introspettivi, ma non avevo mai visto o sentito parlare di Man on the Moon. In seguito, come dovrebbe fare un buon documentario, ha davvero cambiato la mia prospettiva sulla coppia e messo in luce le connessioni tra i due che erano stati ovviamente evidentemente nascosti proprio sotto il subconscio. Innanzitutto, Andy Kaufman è un pazzo lavoro molto più grande di quanto mi aspettassi, e una rapida occhiata ai commenti su YouTube dimostra che le sue esibizioni erano ancora molto avanti rispetto ai loro decenni decenni dopo il fatto che molte persone sono perplesse. In secondo luogo, provo una simpatia molto più grande per Kaufman, in particolare per il fatto di essere "catturato dal suo personaggio", come descrive Carrey in uno dei suoi stupefacenti discorsi meditativi. Il pensiero filosofico postmoderno del tempo credeva che nessuno vivesse realmente il proprio io più vero e che i ruoli che interpretavamo erano simili ai ruoli che gli attori recitano mentre la società ci spinge su modi di vivere "corretti". Ho avuto modo di pensare che Kaufman descrivesse questa convinzione assurdista ad un estremo nel suo personaggio e attraverso quella modalità, vivesse come voleva, e questo colpisce il grande tema del film: essere te stesso. Cliché, sì, ma raccontato in un modo unico e stimolante. In terzo luogo, penso che Jim Carrey abbia incapsulato perfettamente lo spirito di Kaufman nelle riprese di questo film e ho imparato ad apprezzarlo ancora di più per questo, e la famiglia e le persone che conoscevano Kaufman sembravano essere d'accordo. È un bene che Carrey non sia un ladro di identità perché lo definirei Elmyr de Hory della recitazione. Dio, i confronti sparati per colpo erano sorprendenti per quanto fossero simili. Ho adorato i pensieri, le idee e le persone dietro questo film, ma sento che l'esecuzione è stata molto insignificante e francamente noiosa in alcuni punti, per uno degli uomini più eccentrici del settore. Il film essenzialmente sta trascinando Carrey per un'ora e mezza, e mentre ci sono alcuni momenti incredibilmente toccanti o riflessivi, sembra forse un po 'troppo ventoso e dai libri. Ho menzionato Elmyr de Hory in precedenza perché questo film mi ha ricordato F for Fake, l'ultimo film di Orson Welles, un documentario sulla vita del più famoso cercatore d'arte della storia. Elmyr mi sembra quasi essere la stessa cosa con il carattere enigmatico di Kaufman e le tendenze assurde e Welles crea un documentario sperimentale e avvincente per riflettere la sua vita. Include interviste e riflessioni dallo stesso Elmyr, ma Welles prende in considerazione i temi del film e il modo in cui li racconta, e le scene e le storie in più che aggiunge, non solo parallelamente a ciò di cui Elmyr parla, ma caratterizza anche il suo stile di vita eccentrico e stravagante con un montaggio eccentrico e stravagante e uno storytelling non convenzionale. Chris Smith ha preso questo film un po 'troppo secco e asciutto e quando si ricorda un classico come Kaufman, non c'è motivo di interpretarlo in sicurezza quando si può anche adottare un approccio unico allo storyboard. È una grande storia di una leggenda, raccontata da una nuova leggenda, e lo spirito di Kaufman era in Carrey, ma non era nel film vero e proprio.
data di revisione 02/24/2020
Sofie

Il film copre Jim molto più di Andy. Certamente ha un impatto. Sono entrambi persone molto complicate e diventa chiaro che se qualcuno avesse interpretato Andy Kaufman doveva essere Jim Carrey. Si avvicinò il più vicino possibile.

Nelle sezioni dell'intervista Jim si imbatte in affascinanti e ogni tanto dice cose molto profonde e perspicaci. Il filmato sul set mostra una persona molto diversa. Ha scelto di avvicinarsi al ruolo di attore metodo hardcore. Insistendo sul fatto di essere chiamato i nomi dei suoi personaggi e di non spezzare mai il personaggio, anche in famiglia Andy. In parte è brutale e difficile da guardare. È a dir poco un incubo odioso, sfrenato, temporale. Soprattutto quando interpreta Tony. Ci sono molte volte in cui mi dispiace per l'equipaggio e le sue costar. Al di fuori del mestiere della recitazione c'è un caso serio da fare per Carrey. Sembra legittimamente pazzo. Detto questo, Andy e forse Jim hanno dovuto farlo per diventare temporaneamente lui.

L'unica colpa che posso identificare con la performance di Jim è che c'era una dolcezza in Andy e nelle sue buffonate buffe. C'è una rabbia oscura in Jim che occasionalmente fuoriesce. Penso comunque che Jim si sia avvicinato il più possibile a catturare Andy.

La mia impressione generale è che Andy Kaufman fosse uno strano e bellissimo artista performativo. Jim Carrey è un attore brillante e travagliato. Adoro guardare i suoi film, ma probabilmente non vorrei lavorare con lui.
data di revisione 02/24/2020
Scotty Abrantes

Vorrei iniziare dicendo che trovo il concetto del film piuttosto intrigante. Mostrare i parallelismi tra due comici eccezionali che a loro modo hanno rivoluzionato il modo in cui percepiamo la commedia oggi. Essendo stato un fan di entrambi i comici, non vedevo l'ora di vedere questo film. Sfortunatamente il film non ha resistito alle mie aspettative. In primo luogo, si riesce a malapena a vedere la trasformazione di Carrey. Lo spettatore viene gettato nell'azione accompagnato da un predicatore quasi come Jim Carrey che racconta la sua storia che è appena collegata a ciò che è accaduto allora. Il film è semplicemente un documentario senza alcuna intuizione o rivelazione. Mentre le scene sono ben scelte, se si conosce il film, l'intero scopo di questo documentario non è ovvio.

Il documentario è piuttosto un pezzo d'arte in sé piuttosto che un film vero e proprio.
data di revisione 02/24/2020
Reagen

Non vedevo davvero l'ora di vederlo, perché Man on the Moon è uno dei miei film preferiti di tutti i tempi (sicuramente nella mia Top 20), e sono rimasto incuriosito dal fatto che, come abbiamo recentemente scoperto, Carrey "è rimasto nel personaggio "durante l'intero processo di produzione. Ero curioso di vedere come andò a finire tutto. E anche se è stato interessante vedere tutto il filmato, e potrei anche riferirmi ad alcune delle cose che Jim ha detto nelle sue parti dell'intervista, ma alla fine non c'era nessun punto, nessun messaggio, niente che potevamo imparare da tutto questo (a parte il fatto che sparare a Man on the Moon deve essere stata un'esperienza dolorosa ed estenuante per tutti i soggetti coinvolti). Tutto sommato, è stato un buon documentario, non mi sono mai annoiato, ma mi aspettavo qualcosa di più, a dire il vero. Anche forse qualcosa di rivelatore, poiché ho sempre pensato che ci fosse molto di più in Jim Carrey oltre al suo straordinario talento sullo schermo. E forse c'è ancora, ma non è stato questo il documentario a rivelarcelo.

Lascia una valutazione per Jim & Andy: The Great Beyond