Homepage > Drama > Romance > Lady J Valutazione

Lady J (2018)

Originaler Titel: Mademoiselle de Joncquières
IMDB 6.9
Premiato
6
Bene
3
Media
3
Male
1
Terribile
1
data di revisione 02/21/2020
Dahle Schifko

Non scrivo mai recensioni, ma volevo leggerne una prima di guardarla e non riuscivo a trovarne una così eccola qui!

Mi hanno colpito così tante righe di questa sceneggiatura ... Questo film non è solo meravigliosamente scritto, ma la recitazione è squisita. Gli attori fanno davvero un buon lavoro nell'usare la loro espressione per trasmettere il sottotesto che rende il film un'esperienza più completa. Alice Isaaz è particolarmente emotiva (nel migliore dei modi). Il finale ti lascerà soddisfatto senza essere troppo dolorosamente cliché.
data di revisione 02/21/2020
Karilla Dirollo

Lady J è stata una grande sorpresa per me da vedere. Non mi aspettavo di apprezzare questo film e non ne avevo mai sentito parlare prima di trasmetterlo in streaming su Netflix, ma mi è piaciuto molto. Questo film è stato riempito con bellissimi set esagerati e ornati e design di costumi, con complessità che hanno reso quasi ogni scena adatta per essere dipinta. Aveva anche un'ottima colonna sonora che si adattava al genere ma non era noiosa. La mia caratteristica preferita di Lady J era come la simpatia dei personaggi è cambiata nel corso del film. La sceneggiatura e la regia, ovviamente, lo hanno realizzato, ma ho anche visto la differenza nei lievi manierismi degli attori che sono cambiati con i loro cambiamenti di simpatia. Dal momento che non riesco a capire la lingua parlata, i non verbali sono stati molto importanti per la mia comprensione dei personaggi. Ogni personaggio principale era sia buono che cattivo e la maggior parte degli atti sono definiti sia buoni che cattivi. La mia percezione di chi fosse l'eroe / il cattivo, che era il protagonista / l'antagonista, si rifletteva perfettamente tra i personaggi e i temi. La maggior parte dei personaggi è simpatica ad un certo punto, e tutti hanno alcuni tratti di buona personalità, ma nel corso del film quasi tutti commettono cose moralmente sbagliate, o decisamente inquietanti o crudeli. Sembra che ci sia qualcosa in Lady J per tutti: è bello da vedere, divertente ascoltare la lingua francese e la partitura musicale, piena di personaggi avvincenti e realistici (anche se affrettati in termini di sviluppo del personaggio), e traboccante di temi significativi su temi sociali e relazioni interpersonali. Lady J sembrava abbracciare e spingere oltre i cliché del suo genere per toccare la natura umana, le complessità delle relazioni e le tensioni e le corruzioni intrinseche derivanti dalla disuguaglianza (sesso, età, finanza, influenza, religione) e egocentrismo (illusione , auto-esaltazione, insensibilità, giustizia vigilante, mancanza di introspezione, orgoglio). Non sono sicuro di come quelli che hanno realizzato questo film siano riusciti a farlo, ma questo film mi ha lasciato con rinnovata fiducia nell'umanità. Il valore della connessione con le altre persone e società e della connessione con un trascendente senso della moralità, della giustizia e delle emozioni attraverso l'umanità si rivela in tutto il film attraverso i fallimenti dei personaggi per connettersi e il processo disordinato che deriva dalla mancanza di una vera connessione l'un l'altro e l'umanità.

Il finale è buono, a seconda del personaggio che chiedi!
data di revisione 02/21/2020
Naga Devraj

Il punteggio più alto perché sono contento che i francesi possano ancora realizzare film che sono pienamente in linea con la cultura del 18 ° secolo. Questo film è proprio lì con "Ridicule" e, persino, relazioni pericolose.
data di revisione 02/21/2020
Courtnay

Non prestare attenzione alle recensioni negative riportate di seguito da persone che probabilmente apprezzano un po 'troppo i film d'azione e guardali! Il film inizia un po 'lentamente, ma Édouard Baer e Cecile de France riescono a trasmettere le loro emozioni senza esagerare (qualcosa che è troppo comune in questo tipo di film). La trama è fantastica e la lenta discesa all'inferno del personaggio principale è ben orchestrata.

Nel complesso, sono rimasto piacevolmente sorpreso e consiglierei questo film a chiunque abbia un po 'di sensibilità.
data di revisione 02/21/2020
Lennie

Il film è realizzato magnificamente. Mi è piaciuta ogni singola tavolozza di colori e la prospettiva scelta in ogni scena. Sebbene la trama sia un po 'prevedibile, si adatta molto alla realtà dei personaggi e al luogo in cui vivevano. Ho adorato il concetto di una sottile vendetta e karma. Che tutto ciò che hai fatto ti risponderà sempre in un modo o nell'altro.

Inoltre, non so se sia una barriera linguistica o cosa. Ma penso che sia geniale come alla fine non conosciamo mai veramente i nomi dei personaggi. Mi dava la sensazione di vederlo da lontano, che devo dire differenziare il film dagli altri con trame simili.
data di revisione 02/21/2020
Tremaine Tuck

Sono entrato in questo non sapendo cosa aspettarmi ma una sorta di storia d'amore. Anche se è iniziato lentamente e ha continuato a fallire in modo spettacolare il test di Bechdel, è cresciuto fortemente in un gioco stranamente divertente, aiutato da un punteggio quasi di pantomima. La parte migliore era che poteva essere vista come una commedia leggera, ma se lo spettatore si degnasse di graffiare la superficie, noterebbe la pillola amara sotto il rivestimento di zucchero. Il film fa riferimento a una serie di temi umani, principalmente riguardanti il ​​perdono e la redenzione, e per lo spettatore più esigente c'è molto di più da apprezzare di quanto all'inizio possa incontrare l'occhio
data di revisione 02/21/2020
Delphina Yeakle

Cosa ci piace di più dei film in costume? Certamente i magnifici accessori, ma anche e soprattutto i dialoghi cesellati dal linguaggio del diciottesimo, dal contesto storico, dalla cornice raffinata ed elaborata come nei romanzi dell'epoca. Ahimè, niente di tutto questo in questo film. La lontana trasposizione di Diderot, gli scambi verbali sono prolissi, piatti ("Una felicità che non dura è il piacere" "I nostri sentimenti sono pieni di tenerezza come la ragione" ...) e anche estremamente ripetitivi. L'ambientazione storica è ridotta a decorazioni, abiti troppo puliti e ci presenta un libertinismo semplificato, ignorando la sua dimensione rivoluzionaria di libero pensiero e diniego religioso, negando anche dall'estrema prudenza delle immagini che i libertini sono anche dei goditori. Nel momento supremo di un riavvicinamento di amanti sul divano, la macchina fotografica gira saggiamente su un libro che una mano sull'altra! Nessuna sensualità in questo film inamidato. Per quanto riguarda la trama, diventa interessante solo alla fine, dopo che è passata un'ora noiosa senza quasi accadere nulla. Un film TV? Ma il più noioso è nella realizzazione. L'immagine non traduce sentimenti o situazioni. Qualunque siano le circostanze, anche quando vogliono essere drammatiche, la messa in scena è limitata a pochi dipinti: passeggiate nei vicoli primaverili del castello, spostamento di vasi da fiori da un camino all'altro, protagonisti di scatti medi ripresi davanti a una pannellatura in il loro sontuoso costume. L'illuminazione che è sempre troppo luminosa non cambia quando le circostanze diventano scure. La musica di corte, forte e onnipresente, non modula le progressioni dello scenario. È molto scolastico, quasi un film per la TV. In tali condizioni, come potevano cavarsela il gioco di Cécile de France e Édouard Baer: mezzo sorriso uguale e concorde, un flusso costante e quasi lasciato quasi da un capo all'altro del film. La sofferenza di Baer è tradotta solo da un collo sganciato e da una serratura ribelle, quella di C. de France dal nulla. Uno strano femminismo E poi questo anacronismo nella sottostante allusione al femminismo: una domanda indirizzata a rimanere fedeli al nostro tempo in cui l'era menzionata non la affronta ancora: Condorcet non ha ancora parlato. Diderot, nel suo saggio "Sulle donne", descrive "il confinamento delle donne nella loro inferiorità fisica", e per leggere molte delle sue citazioni sarebbe tassato oggi orgoglio misogino (Es: "È anche ridicolo che un uomo creda fedele donne che il loro essere fedeli "). Quale strano femminismo è nel film stesso, dal momento che il risultato ci mostra un uomo certamente libertino e infedele ma che si dimostra coraggioso e sensibile, di fronte a una donna che si pensava fosse onesta ma la cui fragilità alla fine lo rende il peggiore delle vipere?
data di revisione 02/21/2020
Nydia

Se vuoi rilassarti, ti consiglio questo film visivamente sbalorditivo, pieno di intrighi intelligenti. "Si dovrebbe insegnare la vita in coppia prima di sposarsi". Da non perdere anche la serie francese "Call my agent" - quasi tutte le star del cinema francese sono presenti, incluso Cecile de France.
data di revisione 02/21/2020
Gerick

Recitazione in legno (il marchese è particolarmente orribile), dialoghi pretenziosi e fin troppo prolissi, costumi meravigliosi, scenografia senza fantasia ma carina, uso debole della luce, un film che avrebbe potuto essere molto migliore usando meno parole e più emozioni.
data di revisione 02/21/2020
Kowal

Do queste due stelle solo perché adoro tutto ciò che ha a che fare con la Francia del 18 ° secolo. I costumi e il manierismo sono sbagliati, quindi non l'ho finito. Non importa per quanto tempo cerchi, non troverai mai un dipinto del 18 ° secolo che mostra un uomo con i peli del viso. Era considerato sporco e sporco. L'uomo cammina come se indossasse dei jeans, con le mani in tasca e pieno di peli sul viso.

Anche i capelli della donna sono sbagliati, avrebbe avuto i capelli in polvere e un pouf o un cofano fuori.
data di revisione 02/22/2020
Frodine Jeong

Il miglior testo Costumi perfetti. Grande fascino e interpretazioni.
data di revisione 02/22/2020
Reames

Speravo di vedere un film vicino a Max Ophüls, ma come può essere con Edouard Baer come seduttore, completamente piatto come il resto del cast, tranne Cécile de France, un po 'meglio. Anche la direzione è piuttosto piatta, pensavo di guardare un film in tv. Sono stato anche piuttosto deluso dalla fotografia, assolutamente non inventiva. In effetti, "Mademoiselle de Joncquières" non è eccitante, manca di emozione, ho anche visto film televisivi migliori.
data di revisione 02/23/2020
Boeschen Lesane

È un film oltre questo tempo, un film del passato basato sul lavoro di un Diderot
data di revisione 02/24/2020
Sauveur

Non avendo familiarità con il nome del regista (Emmanuel Mouret), ho cercato su informazioni su questo film. C'era una recensione di un singolo utente che mi avrebbe scoraggiato se non avessi letto le recensioni esterne. Consentitemi di dire subito che, sebbene siamo in una lega diversa da quella di James Ivory, questo film è realizzato magnificamente. L'abbinamento della decorazione domestica con gli abiti è piacevole per gli occhi, ma soprattutto la trama è tanto inaspettata quanto crudele e tuttavia giusta. Il film è stato ispirato da uno dei romanzi di Diderot, un autore i cui libri non sono mai riuscito a leggere fino alla fine dei miei anni dell'adolescenza. Mi è piaciuta la recitazione sottile di Cecile de France anche se potrebbe non essere così profonda come quella di Emma Thompson. Non vi negate un bel film!

Lascia una valutazione per Lady J